Tecnologie per la Matematica

Le tecnologie possono favorire il miglioramento dell’apprendimento e contribuire a costruire conoscenze in un ambiente opportunamente costruito e con attività didattiche accuratamente progettate.
Gli strumenti tecnologici possono essere utilizzati come mediatori nei processi di insegnamento e apprendimento in matematica attraverso il learning by doing per tutta la classe e in particolare rappresentano strumenti compensativi per gli studenti con dislessia e/o discalculia o difficoltà specifica nell’apprendimento del calcolo, nel recupero dei fatti aritmetici (l'abilità di svolgere calcoli in automatico) e le conoscenze procedurali

Software open source per compensare abilità procedurali deficitarie: MateXME, IncolonnAbili, LeggiExcelXme

La descrizione dei software proposti si trova nella pagina Academy

Daniela Garau - Team Inclusione - Associazione EPICT Italia

Da "Scuola & Virtuale" Piacenza 24-25 Settembre

Si è appena concluso a Piacenza l’evento “Scuola & Virtuale” (organizzato da Indire e da Impara Digitale), un appuntamento in cui il mondo della scuola si è ritrovato, confrontato e aggiornato sull’utilizzo degli strumenti immersivi nella didattica. Il mondo “immateriale” è una sfida per la scuola ma rappresenta anche una grande risorsa: durante il convegno, la neuropsicologa Ferroni ha sottolineato come la realtà virtuale attivi la corteccia motoria e le aree sensoriali allo stesso modo delle esperienze reali. Quando riusciamo ad ottenere la “presenza” nella VR il nostro cervello elabora in modo più accurato e ricorda meglio (per vedere l’intervento integrale, seguire questo link: https://www.facebook.com/watch/?v=2475423602688674).

L’organizzazione del convegno prevedeva due sessioni giornaliere: al mattino, esperti di vari contesti (dall’Università all’edutainement, dal mondo dell’industria alla chirurgia, dalla ricerca ai settori educativi museali) hanno apportato le loro esperienze di utilizzo della realtà virtuale stimolando suggestioni e riflessioni sui vari aspetti coinvolti nell’uso dell’immersività; nel pomeriggio, nella sede del Liceo M.Gioia, si sono svolte le sessioni parallele che hanno visto docenti e studenti da varie parti d’Italia presentare esperienze didattiche di realtà immersiva in tutti gli ordini di scuola. Sono state presentate attività con l’uso di molti strumenti: dai qrcode al green screen, da Minecraft ai tour virtuali sul territorio e tanti altri: una grande occasione formativa per i tantissimi insegnanti partecipanti (quasi 1000!). Grazie alla presenza di ditte sponsor, per i ragazzi e per i docenti intervenuti è stato possibile anche provare visori ed affascinanti esperienze virtuali.

È stata una bella occasione di confronto e di stimolo per noi insegnanti che, come professionisti dell’educazione, siamo chiamati ad accompagnare i ragazzi nelle varie transizioni educative del futuro. Certamente, come ha giustamente sottolineato Dianora Bardi (presidente di Impara Digitale), noi docenti dobbiamo vigilare affinché la tecnologia rimanga uno strumento a servizio del raggiungimento di competenze e obiettivi pedagogici interconnessi. Una “filosofia” didattica che rappresenta l’essenza stessa della visione EPICT della scuola, che in particolare nel Modulo 6, affronta proprio le tematiche e le risorse legate alla didattica immersiva.
 

Per chi fosse interessato, nella pagina Facebook del Liceo Gioia è possibile vedere alcune foto dell’evento assistere ai video relativi agli interventi degli esperti: https://www.facebook.com/liceogioia/
 

Federica Tamburini - Facilitatrice Epict - Associazione EPICT Italia

Screencast-O-Matic per studenti BES

Come realizzare una videolezione o videotutorial?

Tra gli strumenti di immediato e semplice utilizzo c'è Screencast-o-matic: con un computer connesso  e un microfono si può realizzare una lezione digitale sfruttando le potenzialità comunicative della multimedialità, ampliando l'offerta di contenuti didattici e personalizzando l'apprendimento. Personalizzando? Già, ecco una buona pratica proposta dall'insegnante Sara Delbene, Facilitatrice Epict... vediamo come ha usato Screencast-o-matic con i suoi studenti BES! > Vai alla Buona Pratica

Sara Delbene - Facilitatrice Epict - Associazione EPICT Italia

Moduli EPICT di riferimento: Modulo Pedagogico, Modulo 10, Modulo 13

Master Universitario EPICT: Coding e Robotica per la Creatività

Conclusione "Master Universitario EPICT: Coding e Robotica per la Creatività" - a.a. 2017/18. Una gallery e un filmato per condividere il percorso concluso del Master Universitario di I livello EPICT - Coding e Robotica per la Creatività.
 
Prossima sfida:Master Universitario di I Livello EPICT - Coding e Robotica per le Discipline. In partenza!

 

Canva: un’applicazione per creare poster e infografiche interattivi

Canva. L'applicazione online Canva, intuitiva e semplice da usare, è un ottimo strumento per creare poster o infografiche a scuola, per sviluppare capacità di sintesi e creatività, con le    svariate possibilità di personalizzazione, ed è usato anche in ambito accademico per presentare la propria ricerca in modo grafico, sintetico ed efficace.

La versione free dà la possibilità di creare qualsiasi tipo di progetto e dà accesso a numerosissimi modelli e layout diversi, font, immagini (è possibile anche caricare immagini dal proprio PC) ed elementi grafici come icone, linee e forme. Una volta creato il progetto grafico, è possibile salvarlo tra i propri progetti e condividerlo, oppure scaricarlo sul proprio PC nei formati PDF, PNG, JPEG o Video MP4 (nel caso di un modello animato).

L’applicazione permette inoltre di inserire su testo, su immagini ed elementi grafici, link esterni che rimandano a siti web o risorse multimediali, rendendo il poster o l’infografica interattivi. In questo caso è consigliabile scaricare il file in PDF per mantenere i link attivi anche nel file salvato.

Per utilizzare l’applicazione è necessario iscriversi o avere un account Google.

Link a tutorial

Moduli EPICT di riferimento: Modulo 1 – Le immagini raccontano più storie.

Giulia Carmeci giulia.carmeci@gmail.com                                                                                                                                  

 

Araword

Quale temi si affronteranno nel Corso di Perferzionamento EPICT  - Tecnologie digitali per la scuola inclusiva e i Bisogni educativi speciali?

Un argomento che non mancherà è la Comunicazione Aumentativa e Alternativa che facilita e migliora la comunicazione di tutte le persone in difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura.

Un'applicazione gratuita e personalizzabile?

AraWord, versione italiana di ARASAAC1, è un normale programma di videoscrittura, non è un prodotto “speciale”, può essere usato da tutti i ragazzi, con e senza Bisogni Comunicativi Complessi. Consente la
scrittura, in automatico, di testo e pittogrammi (simboli) facilitando l’elaborazione di materiali e l’adattamento di testi per le persone che presentano difficoltà nell’ambito della comunicazione funzionale.

La descrizione di Araword si trova nella pagina Academy

Daniela Garau - Team Inclusione - Associazione EPICT Italia

[Approfondiremo questi temi nel Corso di perfezionamento universitario EPICT ® - Tecnologie digitali per la scuola inclusiva e i Bisogni educativi speciali.  INFO e BANDO - Scadenza 4 settembre 2019]

Supporto dei BES: le Tecnologie a portata di tutti!

Speach to Text a portata di tutti: un supporto prezioso per DSA e stranieri, ma anche per imparare un nuovo modo di "scrivere"!

 
Alcuni strumenti?
Da Google Docs con la Digitazione vocale a Microsoft Word con Dictate.ms
 
Approfondiremo questi temi nel Corso di perfezionamento universitario EPICT ® - Tecnologie digitali per la scuola inclusiva e i   Bisogni educativi speciali.  INFO e BANDO - Scadenza 4 settembre 2019 -

Pagine

Abbonamento a Feed prima pagina

Accesso ai Soci