CORSI IN PARTENZA!

Iscrizioni aperte fino al 25 settembre 2021  - Inizio corsi 27 e 29 settembre 2021

App per mobile con Pocket Code 

Creare contenuti didattici con la Realtà Aumentata

Coding e Realtà Immersiva

CONSULTA TUTTI I CORSI DISPONIBILI!

 

 

 

Follow-up Webinar su "HyperDoc"

22 ottobre 2020 - Centoventi partecipanti al workshop dedicato all'HyperDoc, uno strumento semplice e flessibile per progettare e condurre lezioni digitali e articolate come quelle richieste dalla DDI, garantendo attenzione e focus da parte degli studenti. Clicca sull'immagine per avere un breve follow-up.

E per approfondire e continuare il percorso insieme:

LABORATORIO DI DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

CORSO FLIPPED CLASSROOM & APPRENDIMENTO COLLABORATIVO PER LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

GUARDA LA REGISTRAZIONE DEL WEBINAR

Progettare e condurre le lezioni in DDI: l'Hyperdoc

 

DDI: una check list per l'insegnante di sostegno

Le Linee guida per la Didattica Digitale Integrata spingono con decisione la collaborazione fra il docente di sostegno e gli insegnanti curricolari - Collaborazione utile sia per la creazione di materiali didattici inclusivi, sia per la progettazione congiunta di strategie di apprendimento capaci di facilitare la partecipazione degli studenti BES al percorso svolto dai compagni: soprattutto il lavoro in piccolo gruppo sempre con la supervisione dell’insegnante di sostegno. 

 
E se la DDI diventa di nuovo DaD?
 
I punti critici  sono:
 
  - L’uso del portale e-learning
  - La gestione del lavoro sincrono
  - La gestione del lavoro asincrono
 
Qui una check list  da usare per verificare le abilità di base utili per la partecipazione degli studenti BES ad attività a distanza  (se vuoi fare una tua check list noi abbiamo usato Canva – www.canva.com
 
 
Stefania Isolabella - dal Network "L’Inclusione nella Scuola Digitale"
 
-----------------------------------------------------------
 
enlightenedPER I SOCI DELL'ASSOCIAZIONE EPICT - Aggiornamento continuo nel post del Network "Inclusione nella Scuola Digitale" con gli esempi di attività e il confronto fra docenti > LINK
 
yesPER TUTTI - Corso Certificato EPICT (50 ore a distanza con attestato e certificazione finale): Scuola Digitale Inclusiva > LINK

 

Settimana Europea della Programmazione: perché non partire dal Coding unplugged?

Dal 10 al 25 ottobre (un po’ più di una settimana ;-)  tutti invitati a programmare! Seguendo le proposte del sito Europe Code Week, si potranno avere percorsi guidati e poter poi conferire attestati di partecipazione ai propri studenti.

Mancano 6 giorni e si potrebbe “scaldare i motori dei propri studenti” con qualche attività unplugged… da proporre in aula per essere “fisici” e non virtuali (visto che si è finalmente in classe insieme!) oppure da far svolgere a casa un po’ lontano dal computer in attesa di programmare per davvero. 

Svolgere attività con carta e penna o anche con la fisicità di muoversi sulle mattonelle di articolati “pampani”,  consente agli studenti di approcciare il mondo delle procedure in modo graduale e con un approccio “fisico” che stimola la capacità di ordinare sequenze di istruzioni. 

Un sito - in inglese - che propone lesson plan completi di script (proprio le parole da dire in classe!) procedure, disegni da scaricare e stampare, e video per mostrare come dei docenti “veri” nelle loro classi “vere” hanno realizzato quei lesson plan, è CSUnpplugged: https://csunplugged.org/en/topics/ 

Federica Tamburini- dal Network  " Coding e Robotica Educativa" 

enlightenedPER I SOCI DELL'ASSOCIAZIONE EPICT - Aggiornamento continuo nel post del Network "Coding e Robotica Educativa" con gli gli esempi di attività e il confronto fra docenti > LINK

yesPER TUTTI - Un corso EPICT in collaborazione con l’AICA Digital Academy, il corso Coding con Scratch per le STEAM e la creatività. I Test Center AICA Digital Academy propongono il corso che ha come esito la Certificazione ICDL Computing e la Certificazione EPICT “Coding e Robotica Educativa” > LINK

Laboratorio di Didattica Digitale Integrata

Banchi distanziati, studenti a casa 'istituzionalizzati', nelle superiori, o a casa per qualche linea di febbre, in tutti i gradi di scuola: le lezioni devono essere progettate in un modo innovativo per tenere conto della nuova 'dimensione' spazio/tempo in cui avverrà la didattica, non solo in classe, non solo a distanza ma in una classe INTEGRATA.

Proponiamo un laboratorio di due ore per tutto il Collegio docenti per fornire gli elementi base per mettere tutti in condizione di affrontare la sfida.

Descrizione del Laboratoriohttps://www.epict.it/content/laboratorio-di-didattica-digitale-integrata

Informazioni: segreteria@assoepict.it

Un supporto per la nuova materia "Educazione Civica"

Come strutturare i contenuti della nuova disciplina "Educazione Civica" ? Le "Linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica" emanate dal Ministero tracciano i contenuti articolati in tre assi principlali: Costituzione, Ambiente e Cittadinanza digitale.

Ma dove trovare i contenuti per sviluppare tali temi? Concentriamoci sulla Cittadinanza digitale. Oltre ai framewework che conosciamo (DigCom2.1 in primis) e che dfiniscono quali siano le competenze diigtali, la sfida della Scuola ora è di formare tali competenze non in modo "trasversale" alle discipline, ma come disciplina a sé.

E allora: quali materiali didattici utilizzare? quali fonti?  L'iniziativa Repubblica Digitale  promossa dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri è la "miniera" a cui attingere.

Per approfondire in dettaglio l'iniziativa e partecipare da protagonisti, il primo passo è consultare con autentico interesse il sito dedicato a tutti gli interventi messi in campo. Siamo accolti da un'infografica, costantemente aggiornata, che ci fornisce percentuali e numeri di proponenti (associazioni società civile, Pubblica Amministrazione, settore privato), destinatari (cittadini, settore privato, settore pubblico) e distribuzione geografica (locale, regionale, nazionale). Inoltre, è possibile entrare nel dettaglio delle diverse iniziative e reperire utili informazioni su azioni e politiche sul tema della cittadinanza digitale. Una miniera di informazioni per noi come cittadini e professionisti (e una risorsa da esplorare insieme ai nostri studenti).

Anche i video delle "Domande snack" della RAI possono essere utilizzati come "tasselli " da inserire nei percorsi formativi e come modello per gli studenti per la creazione di nuove risorse digitali. da loro stessi prodotte, da condividere online. Fra gli esperti che rispondono c'è anche una Facilitatrice EPICT!

Un assaggio...Quali sono le competenze digitali per una persona?

Sandra Troia - dal Network  " Competenze Digitali per la Cittadinanza" 

enlightened PER I SOCI DELL'ASSOCIAZIONE EPICT - Aggiornamento continuo nel post del Network "Competenze Digitali per la Cittadinanza" con gli gli esempi di attività e il confronto fra docenti > LINK

yes PER TUTTI - Corso Certificato EPICT (50 ore a distanza con attestato e certificazione finale): eSafety> LINK

Immagini, apprendimento e competenza compensativa

... un’immagine vale più di mille parole?  Le immagini - evocative di significati e associazioni creative - divengono preziosi riferimenti a cui rifarsi per armonizzare e potenziare la comprensione di un testo e il ricordo del suo contenuto (si veda Modulo EPICT 1 - Syllabus Modulo 1). Il collegamento tra immagine e testo permette di focalizzare l'attenzione sulle informazioni importanti rinforzandone il ricordo e, l’attenzione posta nella scelta delle immagini facilita la memorizzazione dei contenuti, permette di acquisire le nozioni in modo indiretto, sviluppa abilità trasversali cognitive e di pensiero critico.
 
Quindi… in un certo senso sì, un’immagine, se appropriata e posta in modo adeguato, crea con le giuste parole una sinergia vincente per il processo di apprendimento.

Disegni, mappe mentali, icone, schemi, grafici… materiale multimediale - che si basa sul binomio testo/immagini - è quindi il contenuto didattico ideale che permette di migliorare il processo apprenditivo e lavorare su quelle competenze compensative che puntano verso una didattica inclusiva.

In che modo? Esistono numerose tecnologie utili per lavorare con “testo/immagini” con le quali si possono realizzare scenari di apprendimento, da semplici a quelli più innovativi: classici programmi di videoscrittura e di presentazioni, oppure si può pensare di sfruttare tecnologie interattive di immagini aumentate (come ad esempio Thinglink), oppure creare infografiche (usando Canva), e per gli insegnanti più "audaci", si possono consigliare applicazioni di realtà aumentata (un esempio? Tour Creator, dove la possibilità di rendere interattive le immagini a 360° aiuta gli studenti alla creazione di mondi che raccontano viaggi immersivi).

Stefania Isolabella- dal Network "L’Inclusione nella Scuola Digitale"
----
enlightened PER I SOCI DELL'ASSOCIAZIONE EPICT - Aggiornamento continuo nel post del Network "Inclusione nella Scuola Digitale" con gli gli esempi di attività e il confronto fra docenti > LINK

yes PER TUTTI - Corso Certificato EPICT (50 ore a distanza con attestato e certificazione finale): Scuola Digitale Inclusiva > LINK

Pagine

Abbonamento a Feed prima pagina

Accesso ai Soci