Article

Modelli matematici per sviluppare consapevolezza

Covid 19.  Purtroppo il tema è scottante, e per questo attualissimo e in piena discussione. La scuola come sempre può aiutare gli studenti ad affrontare e interpretare questioni di attualità; la Matematica può darci una chiave di lettura del fenomeno, e le tecnologie possono fornisci strumenti per rappresentare dati che possono essere confrontati con i modelli.

Durante il periodo di lockdown molti studenti hanno avuto delle ripercussioni psicologiche manifestando ansia, paura, inadeguatezza, senso di solitudine. Il docente di discipline scientifiche usando il semplice foglio di calcolo può offrire le potenti armi della scienza per inquadrare il vissuto di tutti noi in modo razionale; in particolare la Matematica crea dei “modelli” che forniscono dei possibili scenari futuri, in questo caso consolanti.

Il modello SIR 

Il modello matematico semplice ma affidabile per la diffusione della pandemia si chiama SIR, dove S sta per suscettibili, cioè coloro che possono ammalarsi, I per infetti, R per risolti (guariti e immuni, oppure deceduti).

A seconda del grado di scuola, i ragazzi possono capire più o meno nel dettaglio gli aspetti tecnici: alle medie ci si può limitare ad operazioni alla loro portata, mentre in un liceo si possono esplicitamente usare funzioni esponenziali o derivate.

Dopo aver trovato in rete i dati e i grafici pubblici sul modello SIR, si potrà procedere a ricercare dati omogenei di una “popolazione” a loro scelta (in una regione, in uno stato, …), aprire un foglio elettronico (Gfogli, Excel, Calc…), registrare i dati (una colonna con il tempo in giorni, da 1 a n, e una colonna adiacente con i dati reali), rappresentare i dati con un grafico a dispersione (x-y) e confrontare cin i grafici teorici. I docenti guideranno a leggere e interpretare i dati e sviluppare senso di responsabilità

https://aulascienze.scuola.zanichelli.it/2020/02/28/la-matematica-di-une...

[giuliana lo giudice - dal Network "Discipline scientifiche e tecnologie". Per i soci dell'Associazione gli approfondimenti e il confronto è in corso in myEPICT]