Article

Calzini spaiati: essere differenti è normale!

[enlightenedProposta dell'Associazione EPICT   per il weekend del  18-19 Aprile 2020]
 
Un meme per catturare l’attenzione e le emozioni dei ragazzi e far gustare a tutti il “dono” della diversità! Perché? Quando?
 
 Il 21 Marzo – in pieno fermo didattico - si è celebrata la giornata internazionale delle persone con sindrome di Down e per far riflettere e diffondere conoscenza, la docente responsabile della Funzione Strumentale all'Inclusione Scolastica - dell'Istituto Comprensivo Marco Polo Viani di Viareggio - insieme a Gloria Cogliati - insegnante della scuola e facilitatrice Epict - e tutti i docenti, hanno coinvolto due classi in una originale attività digitale a distanza: realizzare un meme con le foto degli studenti che indossano calzini spaiati. Questa inusuale richiesta ha raccolto molto interesse da parte degli studenti abituati a cogliere il lato inusuale della realtà con la creazione di un meme, e questa volta non è stato solo “per ridere” ma per riconoscere, amare e a superare le differenze, valorizzando così l'unicità di ciascuno.
 
Gloria ha deciso di condividere con noi questa sua esperienza.
 
Come nasce l’idea del meme?
L’idea del meme è nata perché l’intento era di partecipare all’iniziativa “calzini spaiati” lanciata dall’associazione down coinvolgendo  gli studenti a distanza e con l’obiettivo di avere un impatto emotivo su ciascuno di loro. Inoltre, visto che fare meme dovrebbe riscuotere un certo apprezzamento da parte dei più giovani, e in considerazione che con l’insegnante di lettere si è lavorato anche sulla sintesi del testo, ci è parso subito lo strumento più opportuno per coinvolgere i ragazzi.
 
Come si è sviluppato il progetto?
La proposta Iniziale, partita dalla FS per l’inclusione era di raccogliere solo foto degli studenti che indossavano calzini spaiati ma, la mera foto dei calzini risultava poca cosa: non poteva da sola raggiungere lo scopo prefissato perché risultava difficile a distanza condividere una riflessione significativa su quanto realizzato; i ragazzi si distraggono facilmente e la sola  foto non riusciva a stimolare le loro riflessioni. Per questo abbiamo proposto in luogo della semplice foto dei calzini spaiati, la realizzazione di un meme (coinvolgendo due classi, le altre classi hanno realizzato il laboratorio solo con le foto), che a partire dai calzini ci portasse anche altrove, con creatività, a interrogarci sulla ricchezza della diversità.
 
E... quali strumenti digitali avete usato?
Sono diversi gli strumenti che abbiamo utilizzato: dalla semplice applicazione che abbiamo tutti sul telefono per scattare e modificare le foto, a strumenti specifici per creare meme, dalle applicazioni per realizzare un video fino ad usare una piattaforma di condivisione… ma se vi interessa leggere il Lesson plan del Progetto nella sua completezza cliccate qui… buona lettura!
 
Intervista a Gloria Cogliati  Associazione EPICT Italia - Istituto Comprensivo Marco Polo Viani - Viareggio (LU)