LABINAR PER I SOCI

22 giugno 2021, ore 21 – Geogebra uno strumento di simulazione per le discipline scientifiche con tanti elementi utili per l’interdisciplinarietà.
(a cura di Giuliana Lo Giudice)

PCTO: i lavori dei ragazzi!

Analogico e Digitale, Big Data, Quarta Rivoluzione Industriale, Proprietà intellettuale, Teoria delle intelligenze multiple, Intelligenza artificiale: sono gli argomenti esaminati dagli studenti delle due classi del Liceo Mazzini di Genova durante il loro PCTO realizzato presso l'Associazione EPICT Italia.
 
Seguendo i link si potranno visualizzare le video-presentazioni realizzate dai ragazzi. Bravissimi!!!
 

LA VELOCITA' DEL DIGITALE [>> LINK]

Giulia Benedetti, Irene Colla, Irene Rorato e Francesca Piano, della Classe 3 CL, con un contenuto dal titolo “Dall'analogico al digitale: un passo verso l'innovazione” presentano un'analisi sulla velocità del digitale e sull'esperienza dell'analogico esaminadola come binomio indissolubile.

BIG DATA [>>LINK]

Karla Kapros, Chiara Notaro, Sara Jaya Puppo e Greta Tarantino, della Classe 3CL, mostrano un lavoro intitolato “Il nuovo ruolo dei dati e dell'informazione nella società” nel quale evidenziano cosa servono e quali vantaggi portano oggi i Big Data.

INTELLIGENZE MULTIPLE [>>LINK]

L’intelletto e le sue molteplicità - Quanto conosci la tua mente?” è il titolo della proposta di  Valeria Capellaro, Irene Longhi, Beatrice Oliva, della Classe 3CL, concentrandosi sugli studi delle intelligenze multiple di Gardner propongono una riflessione sulle intelligenze multiple nei sistemi digitali.

IV RIVOLUZIONE INDUSTRIALE  [>>LINK]

Maddalena Cipriani, Giulia Frisenna, Emma Ruggiero, della Classe 3CL, in “La quarta rivoluzione industriale” raccontano il fenomeno della quarta rivoluzione industriale soffermandosi su come è nata, cosa è e cosa porterà in futuro.

ANALOGICO VS DIGITALE [>>LINK]

Claudiu Alexandru Mislea, Sara Lazzem, Desy Moretti, Alessia Pisano della Classe, 3DL, si soffermano sui concetti “analogico” e “digitale”, l'obiettivo del loro contenuto “Analogico fatti da parte. Arriva il Digitale!” è quello di spiegare il significato e le diverse caratteristiche dei due sistemi.

L'IMPORTANZA DEI DATI [>>LINK]

Riccardo Caviglia, Martina Musio, Akemy Pazmino, Simona Urbani, della Classe 3DL, nel loro lavoro  intitolato “Il nuovo ruolo dei dati e dell’informazione nella società” spiegano come le tecnologie digitali e i dati sono oggi di vitale importanza nello sviluppo di ogni attività umana: dalla vita professionale a quella quotidiana.

COPYRIGHT, COPYLEFT [>>LINK]

Nel contenuto dal titolo “Proprietà intellettuale” Ana Maria Andreea Chis, Jose Manuel Macias Basurto, Maryrene Alexya Patti, Gaia Ribola, della Classe 3DL, presentano la norme e principi giuridici volti a tutelare le opere nate dall'ingegno e dall'inventiva umana.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE [>>LINK]

Sappiamo davvero cosa sia l'intelligenza? Scopriamolo!”, Giulia Demartini, Alice Del Rosario Paladines, Eleonora Giannetta, Lorenzo Noto, della Classe 3DL partendo da una considerazione su cosa è l'intelligenza arrivano a riflettere sul concetto di Intelligenza Artificiale, su chi ha inventato l'IA e sugli ambiti in cui oggi lavorano le Intelligenze Artificiali (Vecchia IA, Nuova IA).
 
Dall'Associazione EPICT, complimenti a tutti i ragazzi che hanno partecipato!

PCTO - Competenze digitali in redazione!

Genova, 10 giugno 2021. Si conclude oggi il percorso di PCTO che ha visto protagonisti con l'Associazione EPICT Italia due classi del Liceo Mazzini di Genova. I ragazzi sono stati accompagnati a realizzare contenuti da pubblicare sul sito dell'Associazione EPICT (che verranno pubblicati qui nelle prossime settimane) costruendo presentazioni multimediali e un video sulle competenze digitali e sperimentando in modo approfondito le modalità di lavoro di gruppo online.

Si è partiti dall'auto-valutazione delle competenze digitali e a fine percorso è stato richiesto agli studenti una valutazione sulla loro percezione di crescita. I risultati? Davvero interessanti: se dall'aulto-valutazione la principale debolezza era relativa alla  creazione di contenuti digitali, questa competenza è quella che gli studenti hanno dichiarato come centrale nella loro percezione di crescita. Anche la percezione di crescita sulla capacità di lavoro ni gruppo è stata testimoniata da belle dichiarazioni: una fra tutte: "E' stato il primo momento di lavoro in gruppo a distanza e ho imparato l'importanza del proprio ruolo per il raggiungimento degli obiettivi comuni".

Una esperienza da replicare!

 

Realtà virtuale... che passione!

La comunità dell'Associazione è preziosa e generativa: dopo il labinar di Alice Saracchi che ha presentato ai colleghi diverse esperienze e app per la creazione di esperienze di esposizione aumentata e virtuale, ecco i piccoli artisti di Federica Tamburini cos'hanno realizzato.. niente meno che un museo virtuale dove le opere sono meravigliosamente originali: fatte da loro e ambientate nel museo da loro stessi costruito con ArtSteps. Usate le frecce della tastiera per una visita immersiva e appassionante: click sul quadro e scopriremo il nome dell'artista! Buona visita!

Conferenza Europea ATEE - Insegnare le lingue con le tecnologie digitali

Abbiamo presentato la Certificazione EPICT come "vademecum" per la progettazione di lezioni con metodologie innovative al convengno europeo ATEE "Teaching and learning Languages Post Covidly" .  Il fuoco dell'intervento è stato sulle metodologie innovative per l'insegnamento delle lingue straniere usando gli strumenti e ambienti considerati dai Moduli del nostro Syllabus, rapportati al framework DigCompEdu.

Il valore del Syllabus EPICT. Il valore che ne è emerso è la validità del Syllabus come  strumento che guida la formazione degli insegnanti ma anche come strumento di metacognizione cioè consapevolezza del docente rispetto alle scelte da fare per attuare una didattica ottimale rispetto agli obiettivi, alle tecnologie a disposizione, ai vincoli degli specifici contesti.

Un esempio tratto dall'esperienza di Michela Chiappini (docente di inglese e facilitatore EPICT), autore con Angela Sugliano (anche lei facilitatrice EPICT e coordinatrice dell'Editorial Board dell'Associazione per i Manuali EPICT) dell'intervento al convegno ATEE?

Un docente che registra video-lezioni da fornire come podcast ai propri studenti, se è consapevole di stare agendo all'intreno dell'Area di competenza "Digital Resources" di DigCompEdu e se segue come linee guida gli elementi del Syllabus EPICT del Modulo 13, ha tutti gli strumenti per agire sicuro, in qualità risparmiando tempo ed energie che può dedicare a concentrarsi all'insegnamento della propria disciplina e all'educazione alle iportanti soft skills per la didattica.

Per i soci dell'Associazione, le slide presentate sono a disposizione in myEPICT nel Network Lingue straniere e tecnologie digitali

 

Per una lezione di scienze: costruiamo un erbario con Pla@ntNet

Natura, botanica, ecologia, biodiversità ed educazioneLa realizzazione di una raccolta di un erbario costituisce un'attività didattica da organizzare e realizzare in tutti i livelli scolastici: stimola negli studenti l’osservazione del mondo vegetale, più in generale della natura, incentiva comportamenti ecologici, ecosostenibili rispettando l'ambiente e facendo apprezzare la biodiversità che li circonda.

Molte sono gli obiettivi di ambito scientifico raggiungibili attraverso l'attività di "ricerca sperimentale" che supporta la costruzione di un erbario:  dall'apprendimento di abilità utili per rilevare fenomeni, di porre domande e di osservare eventi, all'acquisizione di competenze nella raccolta dei dati, nella formulazione di ipotesi e nella verifica delle stesse. Inoltre, attraverso una didattica "learning by doing" e "learning by thinking", che caratterizza proprio questo tipo di attività "scientifica", si rafforza negli studenti la fiducia nelle proprie capacità di riflessione e ragionamento, di imparare dagli errori e di apertura ad opinioni diverse.
 
Vediamo ora come organizzare e realizzare un erbario scolastico. Serena Battigelli, facilitatrice epict, presenta un'attività didattica tradizionale, semplice e pratica, come la realizzazione di cartelloni illustrativi da appendere nei muri della scuola (proposta che si adatta bene alla scuola primaria) da organizzare in 3/4 ore di lezione, cogliendo le opportunità che offrono nuovi strumenti digitali:
  • RACCOGLIAMO! Si raccolgono foglie e fiori nel giardino della scuola, o durante un'uscita didattica, oppure individualmente come compito "a casa".
  • CONOSCIAMO! Si usano vista, tatto e olfatto per conoscere le piante raccolte e si giudano i bambini in una discussione di classe, ponendo domande di stimolo del tipo: “Riconoscete qualche pianta?”, “Che differenza notate tra questa specie e quest’altra?”,...
  • REALIZZIAMO! Si dividono gli studenti in gruppi e ciascuno inizia a realizzare il proprio cartellone incollando le piante.
  • INDAGHIAMO! Si cercano le informazioni sulle piante raccolte e incollate sui cartelloni utilizzando Pl@ntNet (usando ad esempio i tablet se in dotazione dalla scuola). E' un'applicazione free che riconosce foglie e fiori a partire da una fotografia, propone una descrizione con il nome scientifico della pianta, il nome comune e collegamenti a siti specifici. Si appoggia ad un database che comprende 6000 specie e 20000 immagini ed è sviluppata da un consorzio che riunisce scienziati fracesi provenienti da diversi centri di ricerca. Inoltre il database è in continua evoluzione perchè è una sorta di ambiente digitale sociale dove tutti possono contribuire: se si identifica una specie non presente nel database è possibile partecipare al progetto grazie al tasto “contributo”, inserendo la propria proposta.
  • COMPLETIAMO! Si completa la descrizione nei cartelloni usando le informazioni recuperate dall'applicazione e negoziate, concordate e condivise con i propri compagni di gruppo.
  • CONDIVIDIAMO! Si attaccano i cartelloni sui muri della scuola per una visione completa del lavoro e per una condivisione dell'erbario con le classi del proprio istituto..

Una volta realizzato l'erbario ci si può "sbizzarrire" arricchendo e personalizzando l'attività addattandola alle singole realtà, come?

  • si può pensare di realizzare mappe dividendo ad esempio le piante in categorie (usando app come PoppletMindmeisterMindomoSimpleMind);
  • si può creare una presentazione interattiva (usando app come Mentimeter o Zeetings) da utilizzare come momento di riflessione di quanto fatto;
  • (per gli insegnanti più "temerari") si può pensare di rendere l'attività ancora più attraente usando la Realtà Virtuale, raccogliendo i cartelloni in una vero e proprio Museo Virtuale (usando Artsteps).... allestendo, ad esempio, una mostra visibile ai genitori.

enlightened PER I SOCI DELL'ASSOCIAZIONE EPICT - Aggiornamento continuo con Labinar mensili, discussioni nei Network, Magazine bimestrale e Academy delle app: http://www.assoepict.it/content/iscriviti

yes PER TUTTI -  Sei un insegnante curioso? Hai il desiderio di proporre esperienze di apprendimento innovative che coinvolgono i tuoi studenti in attività partecipative, ludiche e costruttive? Dai un'occhiata qui > http://www.assoepict.it/content/i-cors

 

Didattica inclusiva, BES e L2: vocaboli e app

Per una didattica inclusiva e favorire il successo scolastico degli studenti e delle studentesse BES e NAI (Neo Arrivati in Italia), molti tool digitali che si trovano in rete possono venire in aiuto per realizzare attività didattiche in supporto alla comprensione di nuovi vocaboli.

Stefania Isolabella socia EPICT, pedagogista e insegnante di sostegno per bambini BES e NAI propone la seguente attività da lei validata con i suoi studenti: è partita da un momento educativo utile per prendere confidenza con nuovi termini, per poi passare ad attività ludico "costruttiviste" dove gli studenti divertendosi hanno attivato abilità di memoria visiva e associativa e si sono allenati alla comprensione e alla lettura e scrittura dei vocaboli, arricchendo così gradualmente il proprio lessico.
 
PASSO 1 - PRENDERE CONFIDENZA Il primo momento dell'attività  è stato dedicato alla presentazione delle categorie di vocabili agli studenti: una presentazione in Google Slide con il modello "Flashcards" dove sono stati inserite delle immagini con il relativo nome scritto e suddivise per categorie (oggetti della scuola, famiglia, casa, ...).
 
PASSO 2 - SI GIOCA! Dopo avere preso familiarità con i nuovi termini si è proposta una raccolta di esercizi utili per consentire l'elaborazione attiva e costruttiva del gruppo dei vocaboli presentati: momenti ludici come giochi di memory, giochi di parole, crucintarsi con parole da trovare e cruciverba dove poter scrivere vocaboli in associazione con l'immagine, hanno accompagnato gli studenti nell'apprendimento a nella memorizzazione dei nuovi vocaboli. Gli esercizi sono stati realizzati con Learning App e anche la raccolta è stata organizzata con Learning App in particolare con lo strumento Matrix.
 
PASSO 3 - CONSOLIDAMENTO Per supportare lo studio autonomo da casa si sono proposte alcune flash cards realizzate con Quizlet (per vedere come realizzare flash cards con Quizlet ti indichiamo il seguente tutorial: https://www.youtube.com/watch?v=kgAf4WMfhtI).
 
PASSO 4 - ORTOGRAFIA  Una volta compresi i termini si sono presentate due attività dove gli studenti si sono dovuti concentrare sul'ortografia, come? E' stato consegnato tramite il portale e-learning un documento di testo che rportava in una tabella le immagini e per ognuna al di sotto due righe che riportavano la prima il nome dell'oggetto rappresentato scritto in modo volutamente non corretto, e la seconda riga, la prima lettera della vocabolo in modo da far scrivere allo studente le parole in autonomia.
 
Da provare? wink
------------------------
enlightened PER I SOCI DELL'ASSOCIAZIONE EPICT - Aggiornamento continuo con Labinar mensili, discussioni nei Network, Magazine bimestrale e Academy delle app: http://www.assoepict.it/content/iscriviti

yes PER TUTTI -  Sei un insegnante di sostegno? Hai il desiderio di proporre esperienze di apprendimento innovative che coinvolgono i tuoi studenti in attività partecipative, ludiche e costruttive? Dai un'occhiata qui > http://www.assoepict.it/content/i-corsi

Verso un curricolo verticale per la competenza di Digital Literacy

Si è concluso il percorso formativo dell'Istituto Comprensivo Savona 1 in collaborazione con l'Associazione EPICT Italia sul Modulo A della nostra certificazione per consolidare la competenza dei docenti a preparare i propri alunni alla competenza descritta dall'Area 1 DigComp 2.1.

Per il curriclo verticale di competenza digitale. A conclusione del corso tenuto da Giulio Alluto, facilitatore EPICT e prof. di Sicenze presso l'ISSS Mazzini Da Vinci di Savona -  che ha visto la redazione da parte dei corsisti di lesson plan per la competenza di Digital LIteracy per la scuola del primo ciclo - è stato scritto insieme un documento operativo per identificare le attività didattiche da proporre agli alunni dalla 1 classe della primaria fino a conclusione della terza classe della secondaria di I grado.

Gli Istituti potranno su quella base definire le attività da proporre agli alunni per navigare in rete e svolgere ricerche in rete con autonomia in relazione alla propria età. Un percorso da ri-percorrere sulle altre competenze DigComp2.1 accompagnati dal Syllabus della Certificazione EPICT!

Pagine

Abbonamento a Feed prima pagina

Accesso ai Soci